Federcanapa e Agrinsieme, linee guida per la produzione e la trasformazione della Canapa da estrazione

I tempi ormai sono ben più che maturi. Bisogna dare qualità, sicurezza, uniformità nella lavorazione e sviluppo del comparto della Canapa industriale. Servivano e servono quindi delle linee guida per guidare la produzione e la trasformazione della pianta di canapa per estrazione giungendo a un Disciplinare nazionale. Un passo, una proposta analitica presentata l’11 maggio 2021 da Federcanapa e Agrinsieme (Cia-Agricoltori italiani, Confagricoltura, Copagri e Alleanza delle Cooperative Agroalimentari) in un convegno virtuale su piattaforma GoToMeeting.

Video completo sull’incontro che ha fatto conoscere le basi costitutive delle linee guida

Linee Guida per la coltivazione della Canapa Industriale da estrazione“, questo il titolo emblematico dell’appuntamento e del documento ormai vitale per la migliore regolamentazione del settore. Un “vademecum” stilato dalla Federazione (link Federazione italiana canapa) e da Agrinsieme (link), un “percorso” sul sistema produttivo e sulle norme che per essere definito ha visto lavorare insieme esperti universitari, legali, agricoltori e trasformatori della canapa da estrazione.

Per scoprire e analizzare il contenuto di questo documento corale basta cliccare a questo link in modo da visionarlo e scaricarlo in formato pdf.

“Cresce il numero delle aziende del settore della canapa industriale e in particolare di quelle legate alla filiera dell’estrazione – questo lo scenario di sfondo al settore emerso durante l’incontro – Il mercato mondiale dell’olio di CBD cresce ogni anno di oltre il 30% (1,2 miliardi di dollari nel 2019) e un’accelerazione ancora più forte è prevista nei prossimi 5 anni per il mercato europeo degli estratti di canapa; questi prodotti, infatti, trovano un crescente interesse non solo nel settore farmaceutico, il principale, ma anche nella cosmesi, nell’alimentare, nel pet food e nei succedanei del tabacco. Tra le novità anche il fatto che la Francia, che rappresenta il 37% della coltivazione di canapa industriale in Europa, stia discutendo su una specifica norma sull’infiorescenza per estrazione”.

“Dopo questa presentazione – sottolineano Federcanapa e Agrinsieme – incalzeremo il Parlamento perché definisca una volta per tutte quelle regole che consentano, anche agli operatori italiani, di confrontarsi ad armi pari sul mercato internazionale”.

La presentazione iniziale è stata curata da Rachele Invernizzi, vicepresidente Federcanapa e da Roberta Papili di Agrinsieme. A seguire il tema “Canapa industriale e cannabinoidi” a cura di Giuseppe Cannazza dell’Università di Modena e Reggio Emilia.

All’incontro era presente anche l’avvocato Giacomo Bulleri per un contributo determinante sulla linea interpretativa riguardo le norme di legge e regolamenti, Enecta sull’aspetto della coltivazione e Air Liquide per le applicazioni che nella fase di conservazione ed estrazione prevedono l’uso di gas (azoto, argon, ossigeno, diossido di carbonio e loro miscele).

A guidare l’incontro e a introdurre i relatori, Beppe Croce, presidente di Federcanapa.

Hanno partecipato anche Lorenza Romanese, direttrice EIHA (link)-Associazione Europea della Canapa Industriale, Ludovic Rachou, presidente della francese UIVEC (link) e Arthur Vidal del Syndicat Professionnel du Chanvre (link).

Come rimarcato da Rachele Invernizzi, il documento è un work in progress, quindi aperto a a qualsiasi elemento migliorativo e alla collaborazione di tutti gli interessati.

Roberta Papili, responsabile Clima ed energia di Confagricoltura e, per l’occasione, “voce” di Agrinsieme, ha tenuto a sottolineare le grandi potenzialità della coltura della Canapa e in un percorso di innovazione e di sostenibilità cui è chiamata la stessa agricoltura, la Canapa industriale non può non far parte di questo processo.

Da qui la condivisione con Federcanapa per definire le linee guida. Nel segno anche dell’eliminazione di quelle criticità che derivano dalla non esatta definizione non tanto della coltivazione ma dei processi di trasformazione e di finalizzazione in alcuni mercati. Il tema centrale è quello dell’indirizzo normativo. Proprio l’incertezza normativa costituisce il primo limite, il primo deterrente per le imprese all’accesso verso questo tipo di coltivazione.

Infine, un concetto da ribadire ancora e ancora: tutto questo riguarda la coltivazione e la lavorazione della Canapa nelle sue varietà a basso contenuto di THC (entro lo 0.2%) coltivate secondo i requisiti stabiliti dalla normativa comunitaria e della Legge 242/2016 (link ad articolo Canapa Oggi), destinate alla produzione di semilavorati, quali estratti a base di CBD, terpeni, flavonoidi e altri cannabinoidi non stupefacenti, da impiegare in successive lavorazioni industriali e artigianali.

Sulle linee guida di Federcanapa e Agrinsieme

La premessa alle linee guida è netta nell’inquadrare la proposta nella sua interezza:

Questo documento definisce le linee guida per la produzione e la trasformazione della pianta di canapa per estrazione, prodotta secondo i requisiti della normativa comunitaria e della L. n. 242/2016, al fine di ottenere i prodotti previsti dall’art. 2, c. 2 della L. n. 242/2016 e in particolare: “semilavorati, quali fibra, canapulo, polveri, cippato, oli o carburanti, per forniture alle industrie e alle attività artigianali di diversi settori”.
È un contributo alla promozione di filiere territoriali della canapa, in quanto coltura in grado di contribuire alla riduzione dell’impatto ambientale in agricoltura, al miglioramento dei suoli e all’incremento del reddito agricolo.
Il documento è stato redatto da un gruppo interdisciplinare di esperti universitari, legali, agricoltori e trasformatori della canapa da estrazione. Le linee guida proposte si basano ovviamente sullo stato attuale delle conoscenze, ancora lacunose sui comportamenti delle varietà nei diversi contesti pedoclimatici e su altri aspetti della filiera. Pertanto va considerato un lavoro in progress che potrà ricevere ogni anno utili aggiornamenti dalla ricerca scientifica e dall’esperienza degli agricoltori, con l’obiettivo di arrivare a definire un Disciplinare vero e proprio per la filiera della canapa da estrazione.

Punti nodali iniziali
  • Per ‘estratto’ vegetale o fitocomplesso si intende un prodotto ottenuto sottoponendo tutta la pianta o parti di essa a un processo di estrazione utilizzando appropriati solventi. Gli estratti possono essere fluidi, semifluidi o solidi.
  • Nel documento sulle linee guida, per ‘oli semilavorati’ o ‘estratti’ intendiamo in genere un prodotto semilavorato in forma oleosa, più o meno densa, contenente una concentrazione di cannabinoidi ed altre componenti del fitocomplesso della pianta di canapa, quali terpeni e flavonoidi.
    In ogni caso trattasi di prodotti semilavorati destinati alla fornitura alle attività industriali o artigianali di diversi settori non suscettibili di consumo diretto da parte dell’uomo.
  • L’estratto non va confuso con l’isolato di CBD, che invece contiene unicamente la molecola di CBD pura al 99% e che si presenta in forma cristallina.

Per scoprire e analizzare il contenuto di questo documento corale basta cliccare a questo link in modo da visionarlo e scaricarlo in formato pdf.

Per i più curiosi, per chi ha desiderio di approfondire, per i diretti interessati al tema Canapa industriale, l’articolo completo è sul periodico di informazione Canapa Oggi (link)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...