Dalla Russia con… sapore, Giulia Nekorkina torna alle origini raccontando il gusto della sua terra

Da 26 anni in Italia, si è sempre occupata di enogastronomia descrivendo i sapori della nostra penisola mediterranea, esaltando realtà gastronomiche, turistiche e vitivinicole del Bel Paese. Adesso racconta agli italiani pietanze squisitamente russe grazie al suo libro “Dalla Russia con… Sapore!”. Volume contenente 128 ricette accompagnate da storie e aneddoti per scoprire al meglio la ricchezza, la vivacità e la complessità dell’autentica cucina russa. Libro presentato al FIL Restaurant di Roma in un evento organizzato dall’Associazione culturale “Russky Klub”

Gli amici si rivolgono a lei come “la Rossa”, da anni scrive del Gusto in ogni sua eccezione con particolare riguardo a ciò che sollecita il palato, l’olfatto con un tocco ai colori e alle forme. Storie narrate su varie testate e sul suo blog “Rossa di Sera” visibile a questo link. Essere all’evento di presentazione del suo libro “Dalla Russia con… Sapore!” e gustare i piatti ideati per completare la serata, è stato come ritornare a Mosca dove sono stato alcuni anni fa per la presentazione di una mostra su Fellini. Ma mi ha permesso di scoprire sapori nuovi, storie nuove.

L’autrice è Giulia Nekorkina, moscovita di nascita, romana di adozione, come lei stessa di descrive, in Italia da 26 anni.

Il suo incontro con la cultura della cucina e del vino italiani avvenne anche grazie a un’unione di cuori, l’unione col suo primo marito, Alberto Zafrani, chef di talento e ristoratore di successo.

Da quel momento, il tempo di Giulia è passato tra i fornelli e il computer e nel 2007 la Nekorkina ha debuttato con il suo primo libro, “Italia Golosa, incentrato proprio sulla cucina italiana regionale e diffuso in Russia dove ha narrato e descritto i sapori italici. Successivamente è nata un’altra pubblicazione, “Fourchette à la Russe” e altre ancora hanno seguito.

Proprio n 2008 Giulia ha dato vita al suo blog “Rossa di sera” cavalcando l’ondata dei blog, uno spazio web dedicato alla cucina, al vino e ai viaggi, ma non si è fermata qui. Ha ampliato il suo spettro d’azione come personal chef facendosi conoscere velocemente anche in Italia. Pochi anni dopo ha iniziato a pubblicare i libri di cucina per una casa editrice italiana.

Da tutta questa attività ne è nato il suo nuovo e attuale capitolo librario, frutto di anni di lavoro nella scelta delle pietanze da raccontare, nell’approfondimento storico che accompagna la descrizione e la ricetta di ogni piatto. Ecco quindi “Dalla Russia con… Sapore!”, un bel compendio particolareggiato di gusto che arriva dalla grande nazione a cavallo tra Europa e Asia, da quello che era l’Impero degli Zar.

Una citazione dovuta quella dell’ex Corona russa perché molte pietanze affondano le radici originarie proprio in quel periodo, frutto di tradizioni e abitudini alimentari molto antiche. Giulia ha infatti arricchito il suo volume con più elementi, anche personali, fatti storici e aneddoti, brevi racconti e curiosità, insieme a tante ricette frutto, appunto, della tradizione e ripescate dai ricordi della sua infanzia.

Ricerca e tradizione che, scorrendo le pagine del libro, si sono tramutate in storia gastronomica della Russia e non solo, a partire dalle origini di quella Nazione e, come la stessa Giulia sottolinea, “passando per i prodotti tradizionali e le scoperte casuali, i modesti pasti dei contadini e le lussuose tavolate degli zar, i piatti casalinghi della cucina sovietica e l’esuberante arte gastronomica contemporanea.

“Mille cose sognavo di fare da bambina, ma non ho mai pensato nemmeno lontanamente di scrivere i libri. E invece la vita!.. – continua a raccontare Giulia Nekorkina – Questa storia è iniziata 15 ani fa. All’epoca andavo spesso a Mosca, a fare le lezioni di cucina italiana. Essendo appassionata di libri di cucina, giravo sempre per le librerie in cerca di qualche novità. Quello che trovavo all’epoca sulla cucina italiana, mi rattristava tanto: tante banalità e piatti inverosimili, come la pasta con i würstel o la pizza con il ketchup. Una volta mi sono arrabbiata così tanto che ho deciso di scrivere io il libro sulla cucina italiana. E’ stato pubblicato nel 2007, e da allora non mi sono più fermata.

“Il mio libro successivo trattava la cucina russa in versione finger food, ma era pubblicato sempre in Russia – continua Giulia – Poi ho iniziato a scrivere i libri di cucina per una piccola casa editrice italiana, Morganti editori. Passare a un volume sulla cucina russa e in lingua italiana, era solo questione di tempo. Ho studiato tanto, facendo ricerche, cercando dettagli che nessuno sapeva. Ho scoperto tante cose che nemmeno immaginavo ed ero impaziente di farle conoscere ai miei amici italiani. Ma non volevo una raccolta di dati storici, e nemmeno un ricettario. Ho cercato di mettere insieme tutti gli elementi della cultura gastronomica russa, a partire dalla nascita del Paese fino ai giorni nostri. È stato emozionante, rivivere la storia russa da un punto di vista diverso”.

Un assaggio di sapori russi è stato messo letteralmente in tavola pochi giorni fa al locale romano FIL Restaurant come passo successivo alla presentazione del volume di Giulia Nekorkina, evento organizzato dall’Associazione culturale “Russky Klub” e dalla sua fondatrice Irina Raskina condendo il tutto con una descrizione e un’intervista all’autrice condotte e moderate dalla giornalista  Barbara Castellani.

Barbara Castellani a sinistra e Giulia Nekorkina a destra – presentazione del libro “Dalla Russia con… Sapore!” al FIL Restaurant

Così sono comparsi piatti come la Borsch, complessa e gustosa zuppa invernale alla barbabietola (molto amata dallo Zar Alessandro e dalla Zarina Caterina la Grande, piatto che giulia racconta nella versione ucraina, la più antica) su base di un bollito di manzo molto lavorato e con lentezza, oltre ad altri ingredienti come un tocco di estratto di pomodoro, cavolo cappuccio, patate, carote, strutto o olio evo, succo di limone, alloro, aneto, sale, pepe. Anche la panna acida, ma da servire separatamente, elemento che viene aggiunto a gusto di chi assapora questo piatto.

Nello scorrere dei piatti al tavolo durante l’evento di presentazione, anche Julienne di funghi, Torta di salmone e Mousse di fragole e semolino. Il tutto accompagnato, dal brindisi al pasto, dai vini Ullalà delle Tenute Barzan, Metamorfosi Frascati Superiore Vitus, AMORE e SI di Barzan e Vitus, Selcerossa Vitus.

“Il libro porterà il lettore a spasso per i mercati e i negozi russi – dice l’autrice – gli farà conoscere le fiabe e le leggende, gli permetterà di sbirciare nelle cucine delle case e carpire i segreti delle nonne, ma soprattutto di mettersi ai fornelli e preparare un vero pranzo tradizionale russo.

“Tutti conoscono l’insalata russa, la borsch, i bliny e il manzo alla Stroganov – conclude Giulia Nekorkina – ma pochi sanno che la cucina russa va ben oltre questi “evergreen”. Aringa in pelliccia, cotoletta di pollo alla Kiev, rasstegaj, cetrioli in salamoia, pelmeni e piroghi non avranno più segreti per voi.

Il libro è disponibile su Amazon, sia in versione eBook Kindle (link) che in versione cartacea (link) con copertina flessibile. Il volume conta 299 pagine con 128 ricette, ISBN-13 : 979-8638069087.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...